Link

In questa pagina trovate una serie di link, suddivisi per categoria di interesse. Periodicamente vi segnalo e recensisco un sito, che trovate ‘In evidenza’ qui di seguito. Se conoscete altri siti che potrebbero rientrare in questa lista, non esitate a comunicarmelo; sarò felice di inserirli!

In Evidenza:

BOBBE – IL SITO DEL MASSAGGIO INFANTILE

week10

Argomento: massaggio infantile e contatto genitore bambino
Descrizione:
Questo sito è un piacevole passo indietro nel tempo, almeno per me, che con due bimbe di quasi cinque e quasi tre anni vivo la classica fase in cui mi sembra impossibile che anche le mie cucciole siano state così piccine. Eppure, scorrendo le molte pagine di cui è composto Bobbe.it, tornano alla mente tante sensazioni. E si ha la conferma, se mai ce ne fosse bisogno, di quanto quel contatto  continuo  nelle settimane e nei mesi successivi alla nascita sia stato fondamentale per il benessere psicofisico di tuo figlio, per lo sviluppo della sua personalità e per cementare il vostro rapporto, che perdura nel tempo… Leggendo i vari articoli riportati, attingendo ai consigli per la lettura, i futuri genitori possono farsi un’idea di quali approcci aiutino ad incontrare il bisogno di contenimento e di contatto pelle a pelle del loro nascituro (allattamento, portare con fascia o marsupio, cantare filastrocche…). I fortunati neo genitori che vivono nella zona di competenza dell’autrice del sito hanno un’occasione in più: quella di frequentare un suo corso di massaggio infantile. Gli altri possono trovare la giusta ispirazione per cercare iniziative analoghe vicino a casa (ad esempio informandosi presso il Consultorio locale di riferimento). Elena Dal Prà crede che proprio il massaggio possa aiutare a “parlare il linguaggio segreto dei neonati”. Alcuni passaggi spiegano ulteriormente il concetto: <<(…) Accogliere un neonato è anche prendere consapevolezza dei suoi bisogni e delle sue debolezze, davvero tante in una creatura che ha trascorso molti mesi nel ventre materno. Mesi in cui è rimasto in strettissimo contatto con la madre, totalmente dipendente da lei, immerso in un liquido tiepido e avvolgente. La madre è stata per lui fonte di nutrimento, di calore, affetto. E’ bello pensare che durante la gestazione il bimbo ha ricevuto un enorme abbraccio continuo. (…) Per adattarsi alla vita extrauterina, il bambino ha bisogno, oltre che di nutrimento, anche di molto contatto fisico con le persone che si prendono cura di lui. Allora troviamo dei modi per stare insieme al bambino, scegliamo i momenti della giornata per condividere uno stretto contatto pelle a pelle. Uno di questi modi può essere il massaggio al bambino… Tanto più i bisogni del neonato saranno soddisfatti (bisogno di nutrimento, di calore, affetto, di sentire la presenza dei genitori), quanto prima egli sarà pronto ad esplorare dal solo il mondo esterno. Perchè solo un bisogno soddisfatto cessa di essere un bisogno. (…)>> Una bella introduzione ad un antichissimo modo di accudire il neonato. Ad un modo, anche più semplicemente, per vivere in armonia quel delicato periodo in cui si fa la sua conoscenza, affinchè a predominare non siano l’ansia, l’insicurezza e i mille dubbi…

Link precedenti:

Categorie presenti nella pagina:

Donna e Mamma:

portali generici | salute prenatale, gravidanza, parto | hobby e creatività

Mondo dell’infanzia:

portali generici | salute | diritti | sociale | piccoli internauti | siti esteri

Temi di salute generale:

associazioni e onlus italiane | organizzazioni estere

DONNA E MAMMA

» Salute perinatale, gravidanza e parto «

» Hobby e creatività «

MONDO DELL’INFANZIA

» Portali informativi generici «

» Salute, dalla nascita in poi «

» Tutela dei diritti «

» Risorse di utilità sociale «

» Per navigare con mamma e papà «

» Siti esteri «

» Organizzazioni estere «

TEMI DI SALUTE GENERALE

» Associazioni, onlus e siti italiani «

» Associazioni e siti esteri «

:: Copyright © 2007-2010 cuoredimamma.org :: Tutti i diritti riservati ::

  1. 9 maggio 2009 a 20:11 | #1

    Complimenti a Annalisa
    per il suo impegno nel diffondere il Progetto Nati per Leggere.
    Come Promoter della Lettura mi permetto di suggerire ai genitori interessati ad approfondire questo argomento di visitare Lettura…che avventura, sito di risorse gratuite (privo di pubblicità e senza scopi di lucro che è già linkato in Cuore di mamma) ed è dedicato interamente alla promozione della lettura ad alta voce in famiglia e a scuola;
    vi invito inoltre a contattarmi via email per qualsiasi richiesta di informazioni, consigli e scambi di esperienze in merito a libri e letture per bambini.
    Buone letture!
    Simona Maiozzi

  2. 17 maggio 2009 a 17:43 | #2

    Grazie Simona per aver ricordato la tua iniziativa, interessante e ben fatta :-)

  3. greta
    14 gennaio 2010 a 16:21 | #3

    Ciao Annalisa, sono G., la mamma di un bimbo portatore di handicap dell’età di 5 anni.
    Noi abitiamo nella provincia di Milano e il mio bimbo sta frequentando il secondo anno di Scuola dell’infanzia in una scuola statale, dove è seguito da un educatrice comunale ed un insegnante di sostegno per un totale di 25 ore settimanali.
    E’ previsto che prolungherà la permanenza in scuola dell’infanzia per altri 2 anni scolastici e che rimanderemo l’inserimento alla Scuola Primaria nell’anno 2012-2013.
    Avendo anche un altro figlio, dell’età di 6 anni, avevo già iniziato a pensare anche per lui, l’eventualità di cercare una Scuola con delle caratteristiche come quelle offerte dalla Scuola a modello Montessori, proprio per le sue caratteristiche di basarsi sulla fiducia del bambino e sull’osservazione di ogni singolo individuo, nonché per la cura costante dedicata all’ambiente.
    Nel caso del primo figlio però, mi sono arresa, per le difficoltà logistiche a raggiungere le scuole di Milano e Como ed è rimasta in me una grossa ferita, avendo avuto anche l’opportunità di visionare ed avere la conferma dell’eccezionale funzionamento delle Scuole nei due capoluoghi.
    Stiamo attualmente prendendo in considerazione l’eventualità di cambiare la Scuola dell’Infanzia e valutando varie ipotesi anche per la futura scelta della Scuola Primaria (tra le quali anche quella di una Scuola Speciale).
    Ho letto delle possibilità sull’istituzione di sezioni e classi Montessori statali e comunque chiedo a te se conosci scuole simili al modello montessoriano in Brianza. Nel mio cuore per ora resta un sogno, perchè la logistica non ce lo permette. Ti ringrazio anticipatamente. Complimenti per il sito. Greta

  4. 31 gennaio 2010 a 17:48 | #4

    @ Greta: purtroppo di scuole in Brianza non ne ho notizia, conosco l’esistenza di quelle di Milano, Como e Varese (la conosci, quella di Varese? Hanno anche un bellissimo sito: http://www.montessorivarese.it/) Sono poche, come si diceva. Nel sito dell’ONM si spiega quali siano i requisiti necessari all’istituzione di classi, sezioni, scuole Montessori di vario grado: http://www.operanazionalemontessori.it/index.php?option=com_content&task=view&id=282&Itemid=104
    Chiaramente il fatto di riuscire ad istituire delle sezioni con questo metodo nell’ambito di strutture, magari statali, già avviate, è un vantaggio dal punto di vista organizzativo, soprattutto agli inizi, quando si ha bisogno di curare moltissimi aspetti, anche burocratici… Tutto sta nel trovare questa disponibilità da parte delle istituzioni deputate; l’amministrazione comunale, il provveditorato agli studi… Un’associazione di genitori che si prefigga lo scopo di avviare una scuola Montessori sul territorio potrebbe senz’altro ‘sondare’ il terreno e verificare quali aperture vi siano da parte delle strutture già presenti. Bisogna proprio andare per tentativi e sperare, come sempre, anche nella buona sorte ;-) In bocca al lupo, vi auguro di trovare la sistemazione più giusta per voi nei tempi adeguati…

  5. 16 febbraio 2010 a 13:02 | #5

    Oggi giravo per caso tra i blog di mamme (molto più interessante che girare fra i link di Facebook) e mi imbatto nel tuo commento a http://www.bobbe.it. Ringraziarti è quasi banale, Cuoredimamma, soprattutto in un universo web ormai mordi e fuggi dove nessuno ha voglia di leggere un articolo che sia più lungo di una schermata video, dove i blog che vanno per la maggiore sono quellli che parlano di cose da moda del momento. Dopo qualche mese che non vagavo tra i blog di mamme, ho riscoperto la gioia di rileggere mamme informate, che leggono libri e li commentano e non solo che linkano articoli che magari non leggono sui principali social network. Mamme che si informano su cosa sia il meglio per i propri bambini e non danno nulla per scontato. Ho letto il tuo sito con tanto tanto interesse, un abbraccio, corro al lavoro, ma volevo lasciare subito il mio segno di gratitudine. Elena

  6. 17 maggio 2010 a 23:50 | #6
  7. michela
    6 novembre 2010 a 16:36 | #7

    @greta
    mi chiamo michela. mamma di una bambina di due anni. anche io sto cercando una scuola montessori per mia figlia, abito in brianza come te e ho dovuto rinunciare alla scuola di ccomo per problemi logistici. io invece sto cercando di fare aprire una scuola montessori pubblica con una raccolta di firme. vorrei poterti contattare perchè se la cosa ti interessa si potrebbe insieme fare qualcosa. posso avere il tuo indirizzo e mail?

  8. michela
    6 novembre 2010 a 16:48 | #8

    sono Michela e sul sito dell’opera nazionale montessori ho letto che esiste la possibillità di aprire una classe a metodo montessori pubblica qualora ci fossero 20 famiglie interessate. occorre presentare ad un dirigente scolastico una raccolta di venti firme e si potrebbe realizzare l’apertura di una scuola montrssori pubblica. se qualcuno fosse interessato a questa possibilità vorrei essere contattata in modo da potere raccogliere queste 20 firme e fare almeno un tentativo. so che ci sono persone come me molto interessate al metodo ma che non hanno disponibilità economiche sufficienti(le scuole montrssori sono quasi tutte private e molto costose)e problemi logistici per questo vorrei fare un tentativo per realizzare l’apertura di una sezione montrssori in una scuola pubblica . io abito in brianza, vicino como se siete interessati contattatemi michela.de.carlo@alice.it

  9. 24 novembre 2010 a 12:00 | #9

    Ciao Annalisa, ti ho scritto per email qualche giorno fa, volevo sapere solo se avevi ricevuto i miei messaggi. Intanto colgo l’occasione per ringraziarti per le preziose risorse presenti nel tuo blog.

    Un abbraccio
    Rossella

  10. 29 novembre 2010 a 19:40 | #10

    Ciao Rossella,
    ho trovato le mail e volo a leggere… purtroppo ho qualche problema di spamming che devo risolvere ;-(
    Intanto: grazie.

  11. 23 maggio 2011 a 18:16 | #11

    Cara Annalisa,

    mi chiamo Francesca e sono una mamma di un bimbo di tre anni e mezzo.Mi sono imbattuta nel tuo sito perchè cercavo informazioni sul metodo Montessori.Mi piace molto come scrivi e mi sembra che attraverso la lettura dei tuoi testi si riesca a recepire l’essenza della filosofia montessoriana e probabilmente non solo.Faccio parte di un gruppo di genitori che si sta formando recentemente con l’obbiettivo comune di creare una classe con metodo Montessori a Carpi, provincia di Modena e stiamo cercando di divulgare a più non posso questo nostro progetto.Domani avremo un ‘incontro con Elena Balsamo, autrice di “Libertà e amore , l’approccio montessori per un’educazione secondo natura”e il weekend prossimo allestiremo un piccolo banchetto al festival Natura Bio di Correggio (RE) e alla manifestazione di Carpi “Una città da giocare” dove pensavamo di creare una bacheca a titolo informativo sul metodo, esibendo anche un pò del materiale di GonzagaArredi.Qui vengo al punto: volevo chiederti se era possibile utilizzare alcuni dei tuoi testi e magari anche qualche foto di Sew Liberated.
    Nell’ attesa di una tua risposta , ti porgo i miei più sinceri saluti.

    Francesca Maccione
    comitato Scuola amica dei bambini

  1. Nessun trackback ancora...